CHIAMACI AL NUMERO: 0733.81.45.54 info@studiolegaleforani.it
I gruppi di parola

I gruppi di parola

Esiste uno spazio, che non sia un percorso terapeutico, dove i bambini possono condividere e dare voce alle loro emozioni legate alla separazione dei propri genitori?

Un luogo comunque protetto e curato da persone esperte e consapevoli della delicatezza di questi momenti?

Esistere esiste, ma in Italia è ancora uno strumento sconosciuto ai più e ben poco utilizzato. Sono i cosiddetti “gruppi di parola” per i figli di genitori separati.

Solitamente sono guidati da mediatori familiari, che anche in questo contesto rivestono il ruolo con neutralità ed equidistanza.

(altro…)

Adozione e mediazione familiare: si può fare

Adozione e mediazione familiare: si può fare

Le tecniche di mediazione dei conflitti familiari sono utilizzabili nei casi di adozione.

Si tratta di una prassi diffusa soprattutto all’estero, volta a facilitare la comunicazione sia tra genitori naturali ed adottivi che tra i due nuclei familiari ed il figlio adottato.

Nei paesi anglosassoni, infatti, l’open adoption prevede l’obbligo in capo ai genitori adottivi di informare il figlio in merito alle proprie origini, rendendo così inevitabile il confronto tra le due famiglie, adottiva e biologica.

Pertanto, la mediazione familiare assume in quei paesi una valenza maggiore rispetto alla realtà italiana, in cui il contatto tra i due nuclei familiari avviene solo in casi particolari.

Le domande che i figli adottivi si pongono sulle proprie origini devono comunque ricevere risposte adeguate, idonee a soddisfare i loro bisogni e tali da non compromettere il rapporto affettivo che si è creato con l’adozione.

(altro…)

Mediazione familiare e terapia di coppia: come distinguerle

Mediazione familiare e terapia di coppia: come distinguerle

[vc_row 0=””][vc_column][vc_column_text 0=””]

E’ bene chiarire che la mediazione familiare e la terapia di coppia sono due percorsi diversi e separati.

Il ruolo del mediatore non è quello né di counselor né di terapeuta.

Il suo background culturale di provenienza, infatti, può essere di stampo psicologico, giuridico o umanistico.

Non c’è una strada univoca per arrivare a questa professione: ognuno sceglie il proprio percorso e, dopo una formazione riconosciuta, costruisce la propria professionalità declinandola con le caratteristiche personali possedute.

Le differenze principali tra la mediazione e la terapia di coppia sono di vario genere.

(altro…)

Che cos’è la mediazione familiare

Che cos’è la mediazione familiare

In Italia e nel mondo esistono diverse scuole di pensiero e differenti modelli operativi di mediazione familiare.

In questo articolo non verranno tutte approfondite nello specifico.

La visione da noi condivisa e applicata è quella che considera la mediazione familiare come un processo di gestione del conflitto e di risoluzione delle controversie in ambito familiare, in cui le parti sono assistite da un soggetto imparziale – il mediatore – al fine di trovare una propria risoluzione condivisa dei problemi.

Si tratta di un percorso scelto volontariamente, che a livello profondo mira alla rigenerazione delle relazioni familiari principalmente attraverso la riattivazione della comunicazione tra le persone coinvolte.

(altro…)