4 febbraio 2018 Avv. Francesca Forani

Samuela Baiocco: vivere la diversità come un’opportunità

“Correre oltre me”  è l’opera prima dell’esordiente Samuela Baiocco edita dalla Zefiro Srl.

Un romanzo autobiografico scritto da una giovane donna che con coraggio, determinazione  ed ironia ha messo a nudo se stessa raccontando la propria storia.

Samuela Baiocco è nata e cresciuta a Fermo nelle Marche.  Fin dalla nascita vive l’esperienza di una grave disabilità motoria che, però, non le ha impedito di realizzarsi.

Si è laureata in Sociologia ad Urbino con lode e lavora presso il Comune di Fermo dopo aver vinto un concorso pubblico “non per categorie protette”.

Samuela nel suo romanzo svela l’esperienza della sofferenza unita ad una inesauribile energia vitale.

Ci descrive con forza e fierezza i suoi pensieri e la sua determinazione nel rivendicare un ruolo, il suo ruolo, nel mondo.

Caratteristiche di una tenace guerriera.

Ecco come ha risposto alle nostre domande.

Samuela BaioccoIn che modo essere diversi è un’opportunità?

Ognuno di noi è unico ed irripetibile. L’opportunità consiste nel saper valorizzare la specificità di ognuno di noi, cogliendo la ricchezza e le mille risorse che l’essere uno diverso dall’altro ci può dare, non soffermandosi alla diversità fisica.

 

 Perché non bisogna giudicare dall’apparenza?

L’apparenza può ingannare, non facendoci cogliere la vera essenza della persona. L’impatto visivo è ciò che ci colpisce, ma è necessario essere capaci di andare oltre l’apparenza.

Nel mio libro voglio evidenziare quanta normalità si possa celare dietro un corpo terribilmente limitato e quanta forza ci voglia per farsi apprezzare dagli altri.

 

 Parlaci della relazione tra genitori e figli all’interno di una famiglia con un figlio disabile

E’ inevitabile che la nascita di un figlio disabile alteri i normali equilibri familiari.

Anche nella mia famiglia è capitato tutto ciò, ma il segreto sta nel vivere la relazione nel modo più spontaneo e normale possibile.

La dose di affetto ed attenzione in più che ho ricevuto dai miei genitori mi ha aiutato a superare i momenti più difficili e critici.

 

Siamo tutti disabili: quali sono i consigli per stare insieme?

Possiamo stare insieme solo se la disabilità viene considerata ricchezza e non limite. Solo con questo presupposto si può convivere e condividere i propri limiti e le proprie capacità.

Nel mio libro ho voluto testimoniare come si possa vivere con una persona diversa e fisicamente limitata semplicemente andando oltre gli stereotipi e scoprire il valore nascosto dell’altro, che non vuole essere emarginato ma solo considerato.

 

Il Dopo di Noi: timori e speranze

La paura del Dopo di Noi per una persona non pienamente autonoma è grande.

La morte dei propri genitori per un disabile è ancora più traumatica e angosciosa.

La domanda che continuamente mi pongo è come farò ad affrontare la vita da sola con la mia disabilità dopo la morte dei miei genitori, senza aver nessuno che si prenda cura di me.

Per la prima volta una legge dello Stato prova a dare una risposta a questa domanda, favorendo con strumenti giuridici ad hoc l’inclusione sociale, la cura e l’assistenza delle persone con disabilità grave.

Sono ottimista, è un enorme passo in avanti per la tutela dei disabili.

 

Samuela Baiocco, quale personalità femminile di spicco del territorio, è stata insignita del “Premio alla Fedelta al Lavoro ed al Progresso Economico” dalla Camera di Commercio di Fermo.

Potrete leggere estratti del suo libro sul sito www.samuelabaiocco.it

Samuela Baiocco Correre oltre me, libro

,