2 dicembre 2017 Avv. Francesca Forani

Sai davvero chi sono le persone con disabilità?

Dal 1981, il 3 dicembre viene celebrata la Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità: International Day of People of Disability.

Questa ricorrenza è stata istituita  per promuovere una più diffusa e approfondita conoscenza sui temi della disabilità, per sostenere la piena inclusione delle persone con disabilità in ogni ambito della vita e per allontanare ogni forma di discriminazione e violenza.

disabilità donna con cielo al posto degli occhi

Disabile è chi il disabile fa !

Da sempre l’essere fuori norma è stato considerato una sorta di attentato all’ordine naturale delle cose, qualcosa o qualcuno da combattere energicamente e da emarginare.

I disabili per molto tempo sono stati considerati i portatori del massimo peccato semplicemente perché fisicamente e mentalmente non risultavano conformi all’immagine di Dio.

L’art.1 della Convenzione sui diritti delle persone disabili approvata il 25 agosto 2006 ed entrata in vigore il 3 maggio del 2008 non indica chi esse siano, ma ribadisce che

“la disabilità è il risultato  dell’interazione tra le caratteristiche delle persone e le barriere attitudinali e ambientali che incontrano.”

Le parole che accompagnano la storia della disabilità descrivono un viaggio che giuridicamente  parte negli anni settanta quando il soggetto svantaggiato veniva definito “handicappato”.

Con tale termine si identificava un individuo fragile con cui avere un rapporto improntato sulla pietas ,  la persona disabile veniva confinata in una condizione di cura perenne e la relazione era improntata sulla differenza netta tra chi aiuta e chi soffre, chi cura e chi riceve.

Poi si passa a parlare di soggetto disabile inteso come persona a cui manca qualcosa e di disabilità come una relazione che contrappone chi è abile a chi è disabile, chi è normale a chi non lo è.

Nel 2003, invece, viene coniato il termine “diversamente abile” per affermare un concetto che contiene al contempo anche quello di abilità e diversità .

Si passa da una cultura del dis-valore ad una logica del valore diverso.

L’assistito diviene una persona con cui instaurare un rapporto ed una relazione alla pari.

Oggi, finalmente, parliamo di persone con disabilità.

La condizione delle persone disabili è la conseguenza della complessa relazione tra le condizioni di salute dell’individuo ed i fattori personali ed ambientali del contesto in cui si vive.

La definizione assume una connotazione neutra che non indica le capacità mancanti dell’individuo, ma pone in rilievo le capacità residue del soggetto.

Non è una condizione di salute, ma una condizione ordinaria del genere umano.

Tutti possiamo sperimentare nel corso della nostra vita la disabilità.

Siamo passati da un approccio medico della disabilità ad un approccio sociale basato sui diritti umani.

Oggi parliamo di non discriminazione, di società inclusiva, di partecipazione e diritti.

“La disabilità non è una coraggiosa lotta o il coraggio di affrontare le avversità. La disabilità è un’arte. È un modo ingegnoso di vivere”. Neil Marcus, drammaturgo americano.

 

Per approfondire: http://www.3dicembre.it