2 ottobre 2014 Francesca Elisabetta

Generazione nonni

Quello che tu sei io ero, quello che io sono tu sarai”, è una delle frasi celebri di Nonno Libero, il nonno d’Italia per antonomasia che tutti vorremmo avere.

Oggi 2 ottobre si celebra la Festa dei Nonni.

Anche noi di FamigliaBlog vogliamo rendere onore alla loro figura, che continua a rappresentare una risorsa per l’intero gruppo familiare e per la società.

La festa dei Nonni è stata introdotta in Italia nel 2005 con la legge n. 159, mentre negli USA il National Grandparents Day viene celebrato fin dal 1978 ogni prima domenica di settembre.

Il ruolo emergente dei nonni è completamente disancorato dalle tradizionali figure di anziani depositari di cultura e saggezza, e la nuova  percezione della vecchiaia ha contribuito a considerare i nonni come fonte di promozione e dialogo per tutti i componenti della famiglia.

nonniIl welfare generazionale e la società multimediale e multirazziale hanno determinato un vero e proprio cambiamento nel rapporto tra genitori/figli e di conseguenza tra nonni/ nipoti.

I nonni non si limitano più a dare un aiutino ogni tanto, sono costretti ad entrare nel menage familiare dei loro figli assumendo un ruolo determinante e talvolta risolutivo dei problemi economici e di gestione del tempo dei nipoti.

Anche a livello normativo, ai nonni viene riconosciuto un importante ruolo di sostegno economico nel preminente interesse dei nipoti.

Infatti, in via sussidiaria è stato sancito l’obbligo di tutti gli ascendenti di pari grado (nonni paterni e materni) di entrambi i genitori di fornire a questi ultimi i mezzi necessari per adempiere al loro dovere nei confronti dei figli.

L’art. 316 bis del codice civile ha stabilito la sussistenza dell’obbligo di concorso degli ascendenti non solo nei casi di impossibilità oggettiva di provvedere al mantenimento della prole da parte dei genitori, ma anche in quello di omissione volontaria da parte di entrambi o di uno solo di essi, laddove l’altro non sia in grado di provvedervi da solo.

Lo scopo è evidentemente quello di salvaguardare in modo assoluto i minori.

Ci auguriamo però che i nonni non vengano visti esclusivamente come antidoto per sopravvivere alla crisi economica ma come riferimento generazionale per tutta la famiglia ed in particolare per i nipoti.

D’altro canto, occuparsi dei nipoti investe i nonni di una entusiasmante carica di energia, che li fa sentire amati, importanti e pieni di nuovi interessi, tanto da far  loro esclamare: “Se avessi saputo che avere dei nipoti era così divertente, avrei voluto avere prima loro” (Lois Wyse).

 

, ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *